Carpineto Sinello. Vasteggiando ti accompagna alla scoperta del paese delle salite e delle discese
Menu

Carpineto Sinello. Vasteggiando ti accompagna alla scoperta del paese delle salite e delle discese

Ore 9, siamo a Gissi (ti sei perso la nostra visita a Gissi? Leggila qui) e prima di partire, mentre facciamo colazione, conosciamo Stefano, un giovane innamorato del nostro territorio. Distinto, in giacca grigia, con occhialini e camicia. Scopriamo che è un ingegnere. “Sono di Roma”, ci dice, “e ho deciso di vivere qui, nell’Entroterra vastese”.

Questa sua affermazione, per noi, è come un regalo di Natale per un bimbo di otto anni. Una scelta così radicale e proprio nel nostro territorio. Grazie a lui, tocchiamo con mano le ricchezze che ci circondano e che, forse, valutiamo poco solo perché, in un certo senso, siamo abituati ad esse. Ricchezze e bellezze che risaltano in modo evidente per coloro che il nostro territorio lo hanno conosciuto in età adulta, proprio come Stefano. Lo inviamo a venire con noi a visitare Carpineto Sinello. Lui, con piacere, accetta e ci segue.

Appena fuori paese, lungo la strada, già si scorgono i paesi di Casalanguida, Guilmi e Tornareccio, distese di grano verde, boschi fitti, vigne, uliveti e il Monte Sorbo (area S.I.C.).

Arriviamo a Carpineto Sinello (dopo 8 km. e 15 min.). Entriamo nel centro abitato e parcheggiamo davanti il Comune dove c’è un certo fermento, forse già ci aspettano. L’accoglienza è ottima e pregustiamo una intensa e piacevole giornata. Conosciamo il sindaco Tonino e alcuni suoi collaboratori che ci illustrano l’attività comunale. Visitiamo la sala consiliare dove, tra la bandiera e un bel dipinto del paese, notiamo una statua di Sant’Antonio Abate, protettore del Maiale, proprio con un maialino in braccio.

Decidiamo insieme l’itinerario di visita e partiamo. Sono con noi: Giuseppe ed Edoardo, profondi conoscitori del paese e il piccolo Francesco (lo stesso nome del Papa, ci dicono), figlio di Eduardo.

Ci dirigiamo verso il Borgo Antico fortificato e la prima sosta la facciamo davanti ad una fontana a kilometro 0 che, anticamente, era il lavatoio e piccolo abbeveratoio per gli animali. Giuseppe ci chiama vicino a lui e, quasi sottovoce, ci dice: “Dovete sapere che, proprio qui, parcheggiavamo una meravigliosa FIAT BL18” e in quell’istante gli si illuminano gli occhi. Chissà quanti ricordi, caro Giuseppe, chissà quante emozioni avrai e ci potresti raccontare, quanti aneddoti!

Giuseppe è un signore di media statura, con i capelli lisci e bianchi, che ti trasmette passione con quel suo parlare forbito, ma che non ti mette a disagio e che staresti ad ascoltarlo per ore ed ore. “Vedi qui, proprio qui, in questa casa di pietra, sono nato io. E lì, invece, iniziava il vecchio borgo. Qui prima non c’era niente. Qui, invece, ci sono ancora i segni del Fascismo”.

Il signor GiuseppeLe strette vie si inerpicano verso il Palazzo Ducale (attualmente in ristrutturazione, per un focus sul Palazzo Ducale, leggi l'approfondimento su ZonaLocale.it) e Giuseppe ed Eduardo, in modo davvero appassionato, ci fanno notare particolari interessanti delle antiche mura in pietra, il punto di accesso all’antico nucleo medioevale del paese. Nel mentre proseguiamo, scopriamo che Edoardo è un artista, uno scultore. Infatti, la statua di Sant’Antonio con il maiale è opera sua. Lui è molto timido sulla sua arte, quasi a non volerla rivelare e ci racconta che per anni ha vissuto fuori per poi “ritornare al paese”.

Arriviamo alla piazzetta antistante la chiesa di San Michele. Su una pietra del portone è incisa una data: 1728. Nel mentre chiediamo se è possibile visitare l’interno, un paesano, distante qualche metro, ci dice: “In dieci minuti vi viene ad aprire la signora”.

Nel museo del maialeApprofittiamo della breve attesa per visitare il Museo del Maiale (in attesa della riapertura ufficiale). Ci spiegano l’organizzazione interna e le attività svolte, tra cui anche alcune interessanti attività didattiche per i bambini. Molto il materiale fotografico ed informativo a disposizione, oltre che rari pezzi di antica vita tradizionale contadina, tra cui una bellissima bici per il servizio postale.La bici del postino

“La signora è arrivata!”, dice una voce da fuori. Lasciamo il museo e, dopo aver ringraziato la signora Annamaria per l’apertura, visitiamo la chiesa che risale al XIV secolo, con ammodernamenti durante il XVIII secolo. Le prime notizie, però, risalgono al 1324, le decorazioni interne 1728 come prova un’iscrizione posta sullo stipite del portale. I restauri moderni hanno però ricoperto le murature interne originali. Il campanile è stato ricostruito nel 1838 aL'interno della Chiesa di San Michele opera di Carlo Luigi Dau e le pavimentazioni sono state realizzate nel 1853 da Luigi Felice. I nostri “ciceroni” ce ne fanno apprezzare le particolarità, tra cui due dipinti donati da Gioacchino Murat, una particolare scultura di San Michele che sconfigge il Diavolo.

Proseguiamo verso il Palazzo Ducale, attraverso la maestosa impalcatura, ne immaginiamo la struttura possente e severa. Speriamo in una pronta ristrutturazione per goderne anche dell’interno. Il buon Giuseppe ha degli impegni di famiglia e ci deve salutare. Lo inviatiamo a Vasto per un buon caffè. Proseguiamo la visita con Edoardo e il piccolo Francesco. Prendiamo una via in discesa fino ad arrivare al Centro Polifunzionale del Comune. Si tratta di una struttura coperta che può ospitare fino a 180 persone, dotata di cucina ed è perfetta per sagre e feste. Possiamo immaginare l’allegria, i balli e i canti, parenti che si ritrovano, brindisi per i soliti “motivi futili”, solo per il gusto per brindare alla felicità e alla spensieratezza.

Il signor CesareAppena entrati, veniamo rapiti dalla faccia genuina, allegra e pacifica del signor Cesare, seduto con alcuni amici. “Chi sit? Della televisiaun?” (Chi siete? Della televisione?). Gli diciamo il motivo della nostra visita e lui è contento, inizia a raccontare della cucina tipica di Carpineto e gli chiediamo se gli farebbe piacere raccontarla a tutti in un video. Lui, “Come no!”, senza esitare, accetta. (Qui puoi vedere il video con il signor Cesare).

La signora GemmaNel frattempo Tonino, il sindaco, ci ha raggiunti. Insieme andiamo a visitare quella che molti reputano un’istituzione, la macelleria di “Di Paolo Giuseppe” con la produzione di ventricine. Ci accoglie la signora Gemma, una donna calma, affabile, che parla quasi per non disturbare, e che ci spiega i segreti della loro ventricina.

Le ventricine e il cielo stellatoL’aria è calda e il sole di primavera, alto nel cielo, già si sente sulla pelle. Nonostante questo, mentre il signor Di Paolo Giuseppe serve gli ultimi clienti della giornata, la signora Gemma ci porta a vedere il cielo stellato. Il cielo stellato è una cantina con appese decine e decine di ventricine. Sappiamo che, in questo momento, siamo dei privilegiati per la possibilità di vedere quel condensato di tipicità, golosità, amore e passione per le tradizioni e per il territorio, storia, arte, sensazioni ed emozioniTorniamo nel negozio e il marito della signora Gemma ci riceve. Con lui scambiamo due chiacchiere degustando una ventricina, accompagnata da pane fresco e un bicchiere di La signora Gemma e il signor Giuseppe Di Paolovino. "Questa macelleria, 300 anni e 5 generazioni", ci dice il signor Giuseppe. La signora Gemma, prima di salutarci, ci fa una confidenza: “Se andate a visitare un forno, provate il Tarallo”. Così facciamo.

Eduardo ci accompagna al panificio La Fornarina, un’azienda a conduzione familiare che vende prodotti caserecci e dell’antica tradizione paesana, oltre che il pane. Tra i dolci troviamo il rinomato Tarallo (suggerito dalla signora Gemma della macelleria), chiamato anche “Dolce degli Sposi”.

Nel panificio La Fornarina

La sua nascita si perde nella notte dei tempi e richiama un detto popolare che dice: “Non si celebra matrimonio senza tarallo”. Un dolce semplice, condito con lo “stratto” (marmellata d’uva candita) e il “chiatro” (zucchero caramellato con uovo) e la forma, tonda con un buco al centro, fa pensare alle fedi nuziali e il colore bianco è quello della purezza. Non mancano i biscotti della nonna e i tarallucci al vino. La signora è così gentile che, vinta la timidezza, ci rilascia una video-intervista. Mentre continuamo la visita del laboratorio dolciario, un forte tuono preannuncia una forte pioggia mista a grandine ma, nessun problema, dura solo qualche minuto, prima che il sole si riappropri di una buona parte di cielo blu.

Edoardo e le sue scultureSalutiamo la signora. Lasciamo il forno e, davvero con curiosità, andiamo a visitare la bottega di Edoardo che ci mostra alcune sue sculture su cui sta lavorando. Busti di personaggi conosciuti del territorio, statue sacre, sant’Antonio Abate col maialino e una bozzetto di un busto di John Fante, fedelissimo alla vera espressione dello scrittore italo-americano.

E’ stata davvero una bella giornata anche qui a Carpineto. Abbiamo conosciuto meglio un paese speciale con delle persone speciali. Il paese resta qui, per chiunque voglia visitarlo. Vi consigliamo di venirci appena potete, è solo a mezzora da Vasto.

Roberto De Ficis

Redazione Vasteggiando.it

Personaggi inconsapevoli di questo viaggio:

Stefano - colui che ha scelto di vivere qui, nell’entroterra vastese

Antonio (Tonino) Colonna - Sindaco di Carpineto Sinello

Giuseppe Berardi - storico e conoscitore del paese

Edoardo Mastronardi (e suo figlio Francesco) - artista e conoscitore del paese

Il signor Cesare

Di Paolo Giuseppe e sua moglie Gemma - macellai e produttori di ventricine

I signori Lucci e Donatelli - fornai e dolciari


Invitaci a visitare e conoscere il tuo paese, verremo volentieri. Scrivici.



Video - Carpineto Sinello. La prima cosa è la ventricina! Vasteggiando incontra il signor Cesare.

Che bei ricordi! Il signor Cesare è proprio una persona speciale. In questo video girato a Carpineto Sinello durante la nostra visita, Cesare racconta - con la passione, l'amore e l'affetto autentico per il proprio territorio - la cucina tipica del suo bel paese. 
Da poco on-line, ma già visto e apprezzato in diverse parti del mondo, anche a "Nuova York", Sydney e Buenos Aires e ci fa piacere che contribuisca a far conoscere le nostre ricchezze nel resto dell'Italia e all'estero!
Grazie signor Cesare, torneremo a trovarti presto!


Puoi leggere tutta la giornata passata a Carpineto Sinello qui.

Se, invece, non hai ancora visto cosa dice la signora Gemma sulla tipicità della Ventricina, puoi vederlo qui.

Video - Carpineto Sinello. La Ventricina, un lavoro paziente. Vasteggiando incontra la signora Gemma

Durante la visita di Vasteggiando nel paese di Carpineto Sinello (Ch) incontriamo la signora Gemma che ci racconta la tipicità della Ventricina di Carpineto e ci ricorda che produrla è un lavoro paziente, che ci devi stare sempre attorno.

Puoi leggere tutta la giornata passata a Carpineto Sinello qui:

Se, invece, non hai ancora visto cosa dice il signor Cesare sulla cucina tipica, puoi vederlo qui.


Condividi questo articolo



 

    Cerca nel Vastese Ricettività Turistica

    Trova alberghi, ristoranti, bar e B&B con un click!

    Richiesta Info/Prenotazioni

    Per informazioni su servizi, strutture turistiche o informazioni particolari inviaci una richiesta!

     

    Iscriviti alla Newsletter

    Per rimanere sempre aggiornato su eventi e notizie iscriviti alla newsletter

    Seguici su Facebook

    Gallerie


    Custom exit in C:\xampp\htdocs\vasteggiando\tema\footer.php on line 92

    Array
    (
    )
    

    Custom exit in C:\xampp\htdocs\vasteggiando\tema\footer.php on line 93

    Array
    (
        [REDIRECT_UNIQUE_ID] => WtoZRqn@inkAAQK4bj4AAALH
        [REDIRECT_MIBDIRS] => C:/xampp/php/extras/mibs
        [REDIRECT_MYSQL_HOME] => \xampp\mysql\bin
        [REDIRECT_OPENSSL_CONF] => C:/xampp/apache/bin/openssl.cnf
        [REDIRECT_PHP_PEAR_SYSCONF_DIR] => \xampp\php
        [REDIRECT_PHPRC] => \xampp\php
        [REDIRECT_TMP] => \xampp\tmp
        [REDIRECT_STATUS] => 200
        [UNIQUE_ID] => WtoZRqn@inkAAQK4bj4AAALH
        [MIBDIRS] => C:/xampp/php/extras/mibs
        [MYSQL_HOME] => \xampp\mysql\bin
        [OPENSSL_CONF] => C:/xampp/apache/bin/openssl.cnf
        [PHP_PEAR_SYSCONF_DIR] => \xampp\php
        [PHPRC] => \xampp\php
        [TMP] => \xampp\tmp
        [HTTP_HOST] => www.vasteggiando.it
        [HTTP_ACCEPT_ENCODING] => x-gzip, gzip, deflate
        [HTTP_USER_AGENT] => CCBot/2.0 (http://commoncrawl.org/faq/)
        [HTTP_ACCEPT] => text/html,application/xhtml+xml,application/xml;q=0.9,*/*;q=0.8
        [HTTP_IF_MODIFIED_SINCE] => Mon, 22 Jan 2018 14:32:27 GMT
        [PATH] => C:\ProgramData\Oracle\Java\javapath;C:\Windows\system32;C:\Windows;C:\Windows\System32\Wbem;C:\Windows\System32\WindowsPowerShell\v1.0\;C:\Program Files (x86)\MySQL\MySQL Fabric 1.5 & MySQL Utilities 1.5\;C:\Program Files (x86)\MySQL\MySQL Fabric 1.5 & MySQL Utilities 1.5\Doctrine extensions for PHP\;C:\Program Files\Microsoft SQL Server\Client SDK\ODBC\110\Tools\Binn\;C:\Program Files (x86)\Microsoft SQL Server\120\Tools\Binn\;C:\Program Files\Microsoft SQL Server\120\Tools\Binn\;C:\Program Files\Microsoft SQL Server\120\DTS\Binn\;C:\Program Files (x86)\Microsoft SQL Server\120\Tools\Binn\ManagementStudio\;C:\Program Files (x86)\Microsoft SQL Server\120\DTS\Binn\;C:\xampp\php\;
        [SystemRoot] => C:\Windows
        [COMSPEC] => C:\Windows\system32\cmd.exe
        [PATHEXT] => .COM;.EXE;.BAT;.CMD;.VBS;.VBE;.JS;.JSE;.WSF;.WSH;.MSC
        [WINDIR] => C:\Windows
        [SERVER_SIGNATURE] => 
    Apache/2.2.21 (Win32) mod_ssl/2.2.21 OpenSSL/1.0.0e PHP/5.3.8 mod_perl/2.0.4 Perl/v5.10.1 Server at www.vasteggiando.it Port 80
    [SERVER_SOFTWARE] => Apache/2.2.21 (Win32) mod_ssl/2.2.21 OpenSSL/1.0.0e PHP/5.3.8 mod_perl/2.0.4 Perl/v5.10.1 [SERVER_NAME] => www.vasteggiando.it [SERVER_ADDR] => 212.43.96.9 [SERVER_PORT] => 80 [REMOTE_ADDR] => 107.22.48.243 [DOCUMENT_ROOT] => C:/xampp/htdocs/vasteggiando [SERVER_ADMIN] => info@studioware.eu [SCRIPT_FILENAME] => C:/xampp/htdocs/vasteggiando/index_s.php [REMOTE_PORT] => 51772 [REDIRECT_QUERY_STRING] => op=notizia&pagID=carpineto-sinello-vasteggiando-ti-accompagna-alla-scoperta-del-paese-delle-salite-e-delle-discese&desc=no&year=2014&month=04&day=15&nid=176&lang=it [REDIRECT_URL] => /it/2014/04/15/carpineto-sinello-vasteggiando-ti-accompagna-alla-scoperta-del-paese-delle-salite-e-delle-discese/176 [GATEWAY_INTERFACE] => CGI/1.1 [SERVER_PROTOCOL] => HTTP/1.0 [REQUEST_METHOD] => GET [QUERY_STRING] => op=notizia&pagID=carpineto-sinello-vasteggiando-ti-accompagna-alla-scoperta-del-paese-delle-salite-e-delle-discese&desc=no&year=2014&month=04&day=15&nid=176&lang=it [REQUEST_URI] => /it/2014/04/15/carpineto-sinello-vasteggiando-ti-accompagna-alla-scoperta-del-paese-delle-salite-e-delle-discese/176 [SCRIPT_NAME] => /index_s.php [PHP_SELF] => /index_s.php [REQUEST_TIME] => 1524242758 )

    Custom exit in C:\xampp\htdocs\vasteggiando\tema\footer.php on line 94

    	
    		
    Chiudi
    Chiudi