Piazza Rossetti nasconde un grande Anfiteatro Romano? Ce lo racconta Francesca D’Annunzio

La famosa piazza centrale di Vasto – dedicata al poeta Gabriele Rossetti – è il luogo più conosciuto della città ma – allo stesso tempo – è anche quello meno noto dal punto di vista archeologico. Grazie ad un interessante approfondimento di Francesca D’Annunzio pubblicato su Vasteggiando.it, i vastesi e i turisti riscoprono la storia antica di Histonium e del suo meraviglioso Anfiteatro.

“Dell’edificio, i cui livelli di frequentazione sono attualmente sepolti ad una profondità di oltre 5 metri”, scrive la D’Annunzio, “L’anfiteatro è realizzato in opera mista e risulta databile fra la fine del I e la metà del II secolo d.C.”

Un tema che ha sempre affascinato i residenti di città e i turisti in visita che, in questo approfondimento, trovano elementi tangibili, cifre, lunghezze e particolarità che ben aiutano a ricostruire – seppur solo nella nostra immaginazione –  l’antico ambiente e le atmosfere.

“L’anfiteatro presentava l’asse maggiore di 113 metri e quello minore di circa 92,80 metri”, continua la D’Annunzio, “Gli assi dell’arena misuravano invece 81,50 e 61,70 metri. Tali dimensioni fanno dell’anfiteatro di Vasto uno dei più importanti dell’intera Italia centrale. Sulla base delle misure, si stima che l’edificio potesse contenere circa 16.000 spettatori”.

Grandi folle a Vasto in quel periodo, dunque, quando la curiosità portava visitatori da lontano per assistere a combattimenti tra gladiatori e gli scontri tra gladiatori e animali, uno splendore che vedeva Histonium come punto nevralgico della vita sociale dell’epoca.

Un lavoro, quello pubblicato, meticoloso e attento, che è il primo di futuri approfondimenti che Vasteggiando dedicherà sulla storia antica di Vasto, doni di valore per la città adriatica fatti direttamente dai suoi cittadini.

“Recentemente, durante i lavori di pavimentazione del settore orientale della piazza”, conclude la D’Annunzio, “sono emerse alcune strutture tuttora non chiaramente identificate”. Molti vastesi auspicano l’allargamento degli scavi archeologici e la messa in luce dell’intero anfiteatro. Sogno? Speranza? Di certo, la speranza di un sogno.

Lo studio completo può essere consultato qui

Redazione www.vasteggiando.it

 


Saremmo felici di leggere la tua opinione

      Lascia un commento