La Famiglia Rossetti

Gabriele Rossetti (Vasto, 28 febbraio 1783- Londra, 16 aprile 1854) fu poeta, critico letterario e patriota, nonché capostipite della gloriosa famiglia che prese il suo nome. Nacque a Vasto da Nicola, fabbro e da Maria Francesca Pietrocola e, nonstante le modeste condizioni dei genitori, crebbe nel culto dell’arte e della poesia. Compì i suoi studi universitari a Napoli, dove si distinse anche come poeta e librettista del Teatro San Carlo ed autore di versi estemporanei e qui ottenne la carica di “conservatore” dei marmi e dei bronzi antichi del museo della città. [approfondisci]


 

William Michael Rossetti (Londra 25 settembre 1829-5 febbraio 1919), terzogenito di Gabriele Rossetti e di Francesca Polidori, fu scrittore e critico letterario. Di natura mite e rilfessiva, fu dapprima educato in casa e, successivamente fu ammesso a frequentare il King’s College di Londra. Una volta portati a termine gli studi, per arginare le difficoltà economiche della famiglia, decise di impiegarsi come funzionario delle imposte all’ “Excise Office”, dove rimase fino al 1894. Partecipò attivamente alla costituzione del Circolo Preraffaellita e si dedicò alla critica d’arte [approfondisci]


 

Maria Francesca Rossetti (Londra, 17 febbraio 1827-Londra, 24 novembre 1876) è la primogenita di Gabriele Rossetti e Francesca Polidori.Tra i fratelli è la figura più evanescente e meno fortunata presso i posteri, la cui importanza è stata, però, notevole nel panorama degli studi danteschi. Di temperamento quieto e riflessivo, condivise il clima preraffaellita pure senza prenderne parte attiva. Maria Francesca iniziò ben presto ad interessarsi di letteratura, dando alle stampe le proprie acerbe creazioni letterarie già nell’adolescenza. [approfondisci]

 

 

Il secondogenito di Gabriele Rossetti, Dante Gabriel (Londra, 12 maggio 1828- Birchington, 10 aprile 1882), è senz’altro la figura più eclettica e talentuosa della famiglia, come ci testimonia anche il fatto che riuscì ad eccellere nelle attività sia di poeta che di pittore, da lui portate avanti parallelamente. Lettore appassionato sin dalla giovinezza di Dante e dei poeti del Dolce Stil Novo [approfondisci]

 

 

 

La più piccola della famiglia Rossetti, Christina (Londra, 5 dicembre 1830- Londra, 29 dicembre 1894), viene considerata una delle più importanti voci poetiche dell’Ottocento inglese. A differenza dei fratelli, in seguito al peggiorare delle condizioni di salute, e di conseguenza economiche, paterne, fu educata in casa direttamente dalla madre. Sin da ragazzina si avvicinò attivamente alla Chiesa anglicana. Questa scelta di fede finì per condizionare anche la propria vita sentimentale, impedendole, prima con il pittore James Collinson e poi con il linguista Charles Cayley [approfondisci]