[VIDEO] Le parole emozionanti di un uomo durante il salvataggio dei capodogli a Punta Penna

Abbiamo trascritto qualche secondo di ciò che dicevano i soccorritori che, su di un gommone a pochi metri dalla spiaggia di  Punta Pennastavano cercando di accompagnare in mare aperto i capodogli che si stavano salvando. Ascoltando quelle parole, ci siamo trovati davanti a qualcosa di realmente emozionante.

Uomini, mammiferi piccoli che aiutano con la voce animali giganteschi in difficoltà. Sono immagini, scene, suoni che ricorderemo per sempre e che racconteremo ai nostri nipoti e pronipoti.

Trascrizione: Vai vai! (fischio per allontanare l’animale della costa e dalla morte) Dai, gira, gira, (altro fischio) gira al largo (e la voce di chi parla si fa emozionata)
Mannaggia alla miseria, mo arivà in terra ‘n altra volt, mo arivà in terra (ora si spiaggia un’altra volta, ora si spiaggia)
ahh (urla di grinta) gira di là! ahh (quasi di dolore)
E no, no mi sposto mo’, eh!

In quel “E no, no mi sposto mo’, eh!” e come se quell’uomo volesse dire: “Decidi capodoglio, o ti salviamo la vita o moriamo insieme!”. Forse è proprio questo il senso più grande di questa avventura che ha visti impegnati, con il cuore, vastesi e non vastesi. Grazie a tutti!

 

Saremmo felici di leggere la tua opinione

      Lascia un commento