Tradizioni e sapori di Castiglione Messer Marino

Sagne a lu cuttéureCastiglione Messer Marino è un comune italiano della provincia di Chieti. Di storia antica e nobili tradizioni Castiglione è uno dei paesi della Comunità montana Alto-Vastese.  Situato a 1.000 metri sul livello del mare sul Subappennino abruzzese molisano,  ha la vetta più alta nel monte Castelfraiano con i suoi 1415 metri e il punto più basso tocca i 489 metri nella vallata del fiume Sente.

Tra i luoghi caratteristici, oltre al prezioso borgo, la chiesa di S. Maria del Monte , una chiesa rurale situata in località Lupara a circa 1200m, poco più a valle rispetto al complesso militare di Castelfraiano. Un luogo solitario circondato da boschi dove si racconta la storia di una pastorella muta che vide la Madonna con il bambino. Oggi la chiesa è circondata da una spaziosissima distesa verde, ideale zona pic nic attrezzata con a pochi passi un noto ristorante della zona, Il Rifugio del Cinghiale.

Tra i prodotti tipici l’immancabile ventricina, nota in dialetto locale come murtadella , e le sagne a lu cuttéure. Queste ultime sono un piatto tipico consumato principalmente nel periodo di carnevale. Il nome ha una ragione che affonda nel passato: risale al tempo in cui funzionavano i mulini ad acqua. Ci voleva del tempo prima che le vasche destinate ad azionare il mulino si riempissero e fossero pronte all’uso, così i mugnai utilizzavano le lunghe ore d’attesa per impastare un po’ di farina e cuocere in loco, in grandi pentole di rame, le sagne che venivano condite e offerte. Allora come oggi è cibo che si mangia tutti insieme, nello stesso caldaio, con le mani. È un rito a cui tutti i puri castiglionesi tengono. Oggi non ci sono più i mulini ad acqua, ma la tradizione è rimasta. Gli ingredienti delle “sagne a lu cuttéure” sono: le sagne, impastate a mano, la salsiccia, la pancetta e, ingrediente fondamentale, la polvere di peperoncino rigorosamente dolce.